Pubblicità online su Facebook e Google Adwords

22 ott 2010

Sicuramente potete immaginarvi benissimo quanto è importante per noi fotografi di matrimoni la pubblicità. E' fondamentale per lavorare e acquisire nuovi clienti. Ovviamente la miglior pubblicità (e oltrettutto la più economica ;) é la propaganda a voce. Ma oltre a spargere la voce serve moltissimo pubblicare annunci su internet. Lavorando tanto in tutta Italia (Lombardia, Piemonte, Toscana) per me è la soluzione più semplice per rivolgermi a tutto il paese. Il sistema che usano Facebook e Google è piuttosto semplice: tu crei un annuncio con un titolo, una foto e qualche riga di spiegazione. Poi devi scegliere a chi vorresti [...]

Pubblicità online su Facebook e Google Adwords

22 ott 2010

Sicuramente potete immaginarvi benissimo quanto è importante per noi fotografi di matrimoni la pubblicità. E’ fondamentale per lavorare e acquisire nuovi clienti. Ovviamente la miglior pubblicità (e oltrettutto la più economica ;) é la propaganda a voce.

Ma oltre a spargere la voce serve moltissimo pubblicare annunci su internet. Lavorando tanto in tutta Italia (Lombardia, Piemonte, Toscana) per me è la soluzione più semplice per rivolgermi a tutto il paese.

Il sistema che usano Facebook e Google è piuttosto semplice: tu crei un annuncio con un titolo, una foto e qualche riga di spiegazione. Poi devi scegliere a chi vorresti rivolgerti: donne e/o uomini, età, zona, single, fidanzati, sposati ecc. In questo modo riesco facilmente creare un annuncio personale per i miei futuri clienti. (Nel mio caso ovviamente donne, fidanzate con tanta voglia di festeggiare un bellissimo matrimonio ;)

Se avete domande su come creare annunci di pubblicità contattatemi, con piacere vi darò qualche consiglio.

A presto

Julian

Lascia un commento

Nome

E-mail

Sito

Commento

Commenti

Robyn    set 10, 2014 at 04:15

You can use the database that is provided to you by Google. With Google Adsense, Google acts as the intermediary for the affiliates and the merchants. He said that only about 15 to 20 percent of it makes sense and the rest is a mixture of not really pleasant medical photos, pornography, racism, and cartoons.